giovedì, gennaio 24, 2008

ROBESPIERRE

" ...la maestra mi chiese di Massimiliano Robespierre,
Gli risposi che i Giacobini avevano ragione!
e che, terrore o no , la rivoluzione Francese era stata una gran cosa...."

Oflaga Disco Pax (Robespierre)


Non so perchè ma oggi dopo aver visto i pagliacci dell'UDEUR al senato mi è venuta in mente questa frase .....

20 Comments:

At 12:33 PM, Anonymous Cavozzi said...

Ieri sera ho seguito la votazione in diretta sul canale del Senato. Alla proclamazione del voto, l’immagine è rimasta fissa su Marini che ha rimbrottato alcuni senatori alla sua destra dicendo “Levi quella bottiglia, non siamo mica all’osteria”.

Io ho immaginato che qualche buontempone del centrodestra avesse tirato fuori da sotto il banco una bottiglia per festeggiare.

Un paio d’ore dopo ho deciso di zappare sui canali stranieri per vedere se e come davano la notizia.

Mi imbatto nella BBC che la presenta come seconda nella titolazione (la prima è stata su quel tizio che ha messo in ginocchio SG in Francia). Lo speaker dice che Prodi si è dimesso dopo che in Senato ha perso un “confidence vote” (on topic…), dopo di che dà la parola al corrispondente da Roma Michael Fraser, il quale comincia a spiegare cosa è successo, il motivo del no di Mastella e cosa potrebbe succedere nei prossimi giorni. Mentre parla, sulla sua voce scorrono le immagini: prima Prodi che tiene il discorso, poi Marini che dà il risultato, infine uno che agita una bottiglia di spumante a destra e sinistra in stile vittoria del gran premio e mangia qualcosa ostentatamente. Le immagini cessano mentre Fraser ridà la linea allo speaker che viene inquadrato. Quest’uomo ha fatto una faccia che non dimenticherò tanto presto, e io da stupido mi sono vergognato come un ladro. Io spero con tutto il cuore che a quella testa di cazzo che ha mostrato al mondo cosa succede in un Senato della Repubblica Italiana, gli capiti qualcosa di brutto.

 
At 12:38 PM, Anonymous Ramones said...

Non ho mai parlato bene di questo governo trasversale qui ai colleghi in Holland , malgrado lo abbia votato,eppure loro , lo giuro, hanno sempre detto che indipendentemente da questi tecnicismi , Prodi era uno dei pochi italiani che rispettavano.
Cioè qui Prodi è visto bene....malgrado le mie reticenze è uno di cui si fidano.
Ora mi chiedono esattamente cosa è accaduto perchè il suo governo sia accaduto.
Beh devo dirvi che l'ultima volta in cui mi sono trovato così in difficoltà è stato quando mi hanno chiesto in che ruolo gicava esattamente quagliarella!
----------

Anche io credo che i giacobini avessero ragione...

 
At 12:41 PM, Anonymous Albi said...

stamattina sulla metro leggiucchiavo uno di quei giornalini che distribuiscono nelle stazioni.
in prima pagina, ovviamente, si parlava della serata parlamentare di ieri.
e sempre in prima pagina, una fotografia ritraeva tal senatore strano (non è un aggettivo, è il cognome) di alleanza nazionale che, per festeggiare la cacciata del despota di bologna, si infilava in bocca una grossa fettazza di mortadella, fra i lazzi&frizzi dei ridanciani camerati.
e a me,a vedere la faccia di ’sto stronzo semicoperta dalla fetta del gustoso salume m’è venuto quasi un conato di vomito.
questo sarebbe un “senatore della repubblica”? uno di quelli che dovrebbe guidare ’sto paese sfigato?
cazzo, vorrei rinascere in antartide.

 
At 12:46 PM, Anonymous loziodibari said...

prodi cade al senato.
- gran parte del senato applaude, festeggia, brinda (come cazzo ci è entrata una bottiglia di alcoolici nel sancta sanctorum della repubblica?)
- In pratica, hanno perso il lavoro
- e brindano…
- e festeggiano…
- dopo averci smarronato i coglioni per mese nella campagna elettorale, perchè li votassimo
- “votami perchè io diventi senatore”
- “sono contento di non essere più senatore” (perchè vogliono le nuove elezioni)
***

mumble mumble…

è chiaro che essi sono lì perchè hanno un forte credo politico, non per fame di potere, per poter aiutare mogli, figli, nipoti, cugini, amici, mafiosi, industriali, dirigenti statali, sindacalisti.
***
indi, venuta meno la controparte politica, esultano.
***
ma, intanto, non hanno anche perso il loro status di senatore?
e chi glielo garantisce che fra qualche mese, ad eventuali elezioni attuate, saranno ancora su quel seggio?
***
la loro esultanza è simbolo di rettitudine morale.
oppure non avevano fatto questa semplice riflessione.
***
qualche centinaio di disoccupati in più.
ed esultano.

Insomma Capisco il Mallinza e anche io ho sognato scene da rivoluzione francese con il popolo per le piazze che brandisce le teste con la linguaccia cacciata di fuori di tutti questi impomatati occupanti del parlamento...

Ma era solo un sogno

 
At 12:51 PM, Anonymous Ideologo brasazio said...

travalichiamo i fescennini e ragioniamo un attimo.
cosa ci aspetta ?
perchè una crisi al buio? qui prodest?
solo a chi pesca meglio nel torbido.
mi stabilisco i candidati, mi stabilisco compensi, prebende e ammanigliaggi nei grandi enti e me ne fotto del popolo bue.
un politico serio dovrebbe invece collaborare con le altre forze democratiche (compreso CSM E PdR) a stilare una seria legge elettorale
che stabilisca chi e come governare per anni.

 
At 12:54 PM, Anonymous Manu said...

Buongiorno tutti,
è andata come mi aspettavo da mesi, vabbè. E per di più non si trova la chiavetta per la macchinetta del caffè.

Scherzi a parte, qua la situazione è grave.

Come avrete notato, da quando è nato il PD è successa una cosa precisa: prima Casini ha “rotto” con Berlusca, poi Dini e Mastella (anche per complicazioni di fedina penale) hanno rotto con Prodi.

Il PD faceva nascere il bipolarismo (pure Berlusca s’era mosso in questa direzione) e i centristi (allenati da Oronzo Ratzinger) hanno reagito da par loro, impallinando il governo per sabotare la nascita di un vero bipolarismo.

Fare un governo istutizionale (cosa di per sè difficilissima) significa darla vinta alla nuova DC.

Meglio le elezioni, sfidare Berlusca a viso aperto come ha fatto Prodi e far decidere il popolo. Siamo in democrazia dopotutto, se gli italiani votano berlusca è lui a dover governare.
Come dicevo l’altro giorno, meglio 5 anni di berlusca (che sarebbero ai limiti dell’autoritarismo) che 50 di DC.

Oppure come dice il Mallinza : Robespierre!

 
At 1:35 PM, Blogger lucamallinza said...

Ciao Belli....


Non ho mai provato passione per un governo che ho pure votato.
Certo è che vedere in questi giorni Cuffaro, Mastella et similia mi ha fatto tornare in mente quel brano di "robespierre"

Al di là delle delle attuali contingenze politiche il problema “massimo” è che dalle nostre parti non c’è ricambio, si respira un’aria mefitica e asfittica.

Mi spiego : in altri paesi le elezioni servono a fare selezione, chi perde va fuori dai coglioni, esempi ce ne sono a bizzeffe.

Aznar ha beccato da zapatero e (giustamente) s’è fatto da parte, è uscito dalla politica, qualcun altro ha preso il suo posto.

Stessa storia schroeder, che ha perso (di poco) dalla merkel e pure lui, come era giusto, s’è tolto di mezzo e ha dato spazio al suo successore.

Oppure Lionel Jospin in francia che addirittura frequenta il circolo del proprio Arrondisment come un comune militante.

Da noi, invece, pare ‘galleria di mummie, più che un parlamento è un gerontocomio...e a sinistra ci sono sempre gli sconfitti di sempre

Sono sempre gli stessi ad “affrontarsi” (girone all’italiana, appunto si chiama nel calcio)qualche volta perdono, qualche volta vincono. e loro stan sempre lì, immutabili, usque ad mortem.

Entrano in parlamento a trent’anni e ne escono solo per il funerale.

Insomma continuo a pensare che qui siamo ad un collasso generalizzato che a breve porterà (spero…) ad una sommossa generalizzata, che non auspico finisca con teste mozzate dei potenti come durante la rivoluzione francese…

ma che almeno ci porti ad una presa di coscienza diversa del vivere civile…

Ohhhh! adesso mi sono anche sistemato con la coscienza che in questi giorni era veramente Giacobina

 
At 1:37 PM, Blogger lucamallinza said...

Cavoli!!!! ho uno sdoppiamento...

Sono passati due minuti dal post e già mi auguro che finisca con teste mozzate come nella rivoluzione francese...

Ho bisogno di un medico

 
At 1:40 PM, Anonymous Cavozzi said...

Tanto per tornare alla BBC di ieri :

mi stavo già vergognando abbastanza durante l’esposizione di detto Fraser, che spiegava il no alla fiducia espresso da Mastella dopo le sue dimissioni “charging the government to not be on his side”.

Cioè, in poche parole un ipotetico spettatore straniero ha sentito la sintesi: il Ministro della Giustizia si è dimesso per le accuse verso di lui espresse dalla magistratura per corruzione, ma affermando che è un complotto ai suoi danni ha ritirato il suo appoggio al governo poiché non si è sentito abbastanza difeso. Questo è quello che ha detto Fraser, e a me sembra cronisticamente corretto.

Cerco di immaginarmi la faccia dello spettatore.

Non ci riesco.

 
At 1:40 PM, Anonymous Cavozzi said...

Tanto per tornare alla BBC di ieri :

mi stavo già vergognando abbastanza durante l’esposizione di detto Fraser, che spiegava il no alla fiducia espresso da Mastella dopo le sue dimissioni “charging the government to not be on his side”.

Cioè, in poche parole un ipotetico spettatore straniero ha sentito la sintesi: il Ministro della Giustizia si è dimesso per le accuse verso di lui espresse dalla magistratura per corruzione, ma affermando che è un complotto ai suoi danni ha ritirato il suo appoggio al governo poiché non si è sentito abbastanza difeso. Questo è quello che ha detto Fraser, e a me sembra cronisticamente corretto.

Cerco di immaginarmi la faccia dello spettatore.

Non ci riesco.

 
At 1:40 PM, Anonymous Cavozzi said...

Tanto per tornare alla BBC di ieri :

mi stavo già vergognando abbastanza durante l’esposizione di detto Fraser, che spiegava il no alla fiducia espresso da Mastella dopo le sue dimissioni “charging the government to not be on his side”.

Cioè, in poche parole un ipotetico spettatore straniero ha sentito la sintesi: il Ministro della Giustizia si è dimesso per le accuse verso di lui espresse dalla magistratura per corruzione, ma affermando che è un complotto ai suoi danni ha ritirato il suo appoggio al governo poiché non si è sentito abbastanza difeso. Questo è quello che ha detto Fraser, e a me sembra cronisticamente corretto.

Cerco di immaginarmi la faccia dello spettatore.

Non ci riesco.

 
At 3:42 PM, Anonymous PaleMMMitana said...

ragazzi.. non fate così.. domani vado al corteo organizzato a palermo per chiedere le dimissioni di Cuffaro, taglio la testa a qualcuno e ve la regalo va bene?

Sapete, non riesco proprio ad arrabbiarmi. Il popolo sceglie cosa fare di se stesso, Cuffaro qualcuno lo ha votato per stare li, come Mastella d'altronde. Quando la mia Rita Borsellino non ce l'ha fatta, devo confessare che ho pianto, perchè per me era uno spiraglio di luce, aria fresca, cambiamento. Poi sono diventata cinica, alla fine se lo hanno scelto...
Io sono un'idealista e non smetterò mai di credere nel cambiamento, ma non mi illudo più.
Se non altro non sentirò dire che il governo è caduto per colpa della sinistra.. tanto Mastella è già a destra!

Non mi stupisce più niente, ne la bottiglia di spumante dopo la caduta del governo, ne i cannoli mangiati da Cuffaro dopo i 5 anni di condanna.

Non mi stupisce neache questo:
Post scriptum – Nella stessa data in cui il presente testo veniva redatto si consumava un fatto di gravità inaudita che ci riporta ai tempi peggiori della storia non solo repubblicana, ma del regime mussoliniano. Nella Commissione Cultura del Senato, si è soprasseduto sulla proposta di nomina del fisico Luigi Maiani – una delle massime autorità scientifiche nel campo – alla Presidenza del CNR, a causa della feroce opposizione da parte della minoranza di destra, per la quale il prof. Maiani è incompatibile con l'incarico essendo egli uno dei "67 della Sapienza". A maggior ragione, il nostro Appello deve essere considerato non soltanto un gesto di solidarietà con Maiani e i suoi e nostri colleghi, ma un momento di raccolta di quanti sono preoccupati per la triste involuzione della vita civile nel nostro Paese. Intendiamo – alcuni di noi, a partire dall’estensore dell’Appello – proporre d’altre iniziative, anche sulla base dei suggerimenti che giungeranno da parte dei firmatari, ai quali va il nostro ringraziamento, sperando che la loro firma (qualcuno all’ultimo l’ha ritirata “essendo sotto concorso”…), non debba costituire motivo di ricatto o peggio nelle loro carriere scientifiche e accademiche.

Perchè tanto alla fine viviamo in una pseudo-democrazia.
E la Rivoluzione NON è COSA NOSTRA.

 
At 7:07 PM, Anonymous Peppe said...

Attenta palemmmitana che stai per innescare il pericolosissimo ideologo brasazio che con sta storia delle teste mozzate riprende con il pippottone infinito su kant e sul sublime....
Ho visto la foto del tipo che si mangia la mortazza in senato...minchia che sbocco!

 
At 8:04 PM, Blogger lucapap said...

l'Italia è morta

per un accidente della storia ci siamo trovati al confine tra est ed ovest dopo la seconda guerra mondiale e siamo stati inondati di denaro
perchè eravamo utili a qualcuno

la settima economia del mondo!
tsk tsk

ma era solo un gioco...
sta per arrivare un serio ridimensionamento delle nostre ambizioni di italietta del cazzo
popolata da coglioni che fanno di Vasco Rossi un icona rock

"... lalala fammi godere!.." ma vaffanculo, con tutto il rispetto per Vasco con cui probabilmente mi scolerei una boccia di rosso trovandomi d'accordo con il 75% della sua visione del mondo

un paese che guarda una tv idiota, cogliona che li tratta da bambini cerebrolesi

tutti presi dalle piccole frustrazioni del cazzo che lavori di merda, sottopagati, insicuri riversano quotidianamente nelle vite di tutti

tutti lanciati contro il muro ubriachi di nulla

il nulla assoluto

cazzo ci frega di questi politici tutti uguali tra di loro?

e noi che cazzo siamo?

avevate una sola speranza?
una sola?

 
At 8:20 PM, Blogger lucapap said...

e comunque la citazione degli Offlaga , per assumere senso completo, va integrata con

"...la maestra non ritenne di fare altre domande..."

 
At 5:20 PM, Anonymous Simo il Toscano said...

ma perchè condivido in toto questo post di lucapap boia de ????

sopratutto su la la la fammi godere
ma vaffanculo a vasco e al budello de so ma' ....

Mallinza quando torni da Montpellier (sempre che tu non chiedi asilo politico) ci vieni giù a Livorno?

Non dire di no perchè me lo ha detto un uccelino....

 
At 12:52 PM, Anonymous 100%YODA said...

E’ arrivata la notizia da Bruxelles che la regolamentazione italica delle frequenze radiotelevisive è contraria alla normativa europea,altro mattone pesante per mediaset.
Non so se avete visto Ballarò con la lucida esposizione di Epifani relativamente a referendum ed elezioni, c’è il rischio di ripetere le elezioni a brevissimo termine il prossimo anno, se si dovesse andare alle urne ora, perché il referendum verrebbe spostato al 2009 e quindi ci sarebbe un governo (quello che uscirebbe dalle elezioni a breve) che sarebbe delegittimato dall’approvazione dei quesiti refenderari, e quindi si voterebbe di nuovo ad altre politiche, insomma la legge elettorale è prioritaria. La destra questo non lo dice,ma tanto anche se Mastella portasse la campania in dote alla destra, con questa legge con il premio di maggioranza su base regionale porterebbe il lazio al centrosinistra grazie all’effetto Veltroni, insomma pari e patta, e non è neppure certo che l’attuale primato dato dai sondaggi alla cdl si mantenga intatto da qui a tre mesi, in caso di campagna elettorale, questo è l’unico motivo per cui la destra vuole il voto ora, perché appunto questo lo sa bene.
A meno che non crediate alle parole melliflue di sandro bondi e schifani…
dopo il voto in ogni caso voleranno gli stracci tra i componenti della cdl..

 
At 12:58 PM, Anonymous Manu said...

Mamma mi Lucapap e Mallinza...quanto pessiimismo cosmico!
Però una cosa è vera, analizzandolo a mente fredda
questo governo e questa maggioranza hanno dato un’immagine penosa di se stessi, laddove c’era da complimentarsi sembrava quasi che si scusassero di aver fatto un qualcosina di buono.
Laddove hanno combinato dei pastrocchi, ah lì sì che venivano fuori i leoni pronti a difendere l’indifendibile. E avendo contro quella opposizione era inevitabile giocarsi tutto sull’immagine.
Un buon Pr sarebbe stato sufficiente a dimostrare che le piccolezze di questo governo avrebbero schiacciato ai numeri il marketing berlusconiano e quei due dementi di partito che si porta dietro come pecorelle.

 
At 2:27 PM, Anonymous Anonimo said...

Basta con le cazzate! ora ve lo spiego io quel che succede...

Il governo Marini serve a una e una sola cosa: dare a Montezzemolo il tempo di entrare in politica, costruire con Monti e Tabacci la rosa bianca per colpire Silvio, portargli via i voti e creare un governo di centrosinistra da un’alleanza tra il pontefice dell’economia, pigliatutto e unico uomo della prima repubblica a non aver visto i tribunali e Veltroni.

Nella seconda fase del governo Prodi toccava distribuire delle briciole a chi non arriva alla fine del mese.

Questo ciclo, grazie ai magistrati, non è mai stato avviato mentre si era appena concluso il ciclo delle scandalose concessioni alla trilaterale Montezemolo - Passera - Profumo, e dell’attacco fiscale alla microimpresa.

E non sarà mai avviato visto che ora al posto di Dili avremo proprio i tre lions nelle alleanze governative.

Ma serve tempo, e Napoletano glielo concede.

 
At 4:50 PM, Anonymous ninettovero said...

in piena crisi istituzionale, digrigno di brutto.

 

Posta un commento

<< Home