martedì, giugno 12, 2007

La porta aperta di Peppino

Quando sono stato a Cinisi per "Costretti a raccontare" ho sognato ripetutamente una porta.....

Le porte si sa sono figure architettoniche poste tra una linea di passaggio,ti permettono di varcare quella linea e passare da un microuniverso ad un altro.

Le porte possono essere aperte e in quel caso ti donano un segno di accoglienza...di generosità ...di scambio tra quello che sono due mondi che chiedono di comunicare...

Le porte possono essere chiuse , e allora , si può parlare proprio di chiusura, di scarsa tolleranza,di NON VOLONTA' al dialogo,di rifiuto allo scambio.

La porta che ho sognato di ritorno da cinisi era della "Casa della memoria"

Quella casa che fu di Peppino e Felicia Impastato.

La porta era sempre aperta in quei giorni....
Era quasi un immagine insolente nei confronti di alcune serrande chiuse e tendine tirate che avevo visto nel corso che portava a quella casa....
Li ....davanti a quella porta, era diverso...tutto diverso.
Potevi entrare e venivi accolto ....
Potevi entrare e potevi discutere , potevi entrare ......

Oggi apprendo che in 24 ore due atti vandalici vergognosi hanno sfregiato quella porta.

Perchè?

Proprio nei giorni scorsi, da quella casa da quella porta è partito un volantino: "Il Comune vuole per davvero intitolare la sala consiliare a Leonardo Pandolfo? Il giorno che avverrà, esponete anche questa foto"

http://www.peppinoimpastato.com/viewalbum.asp?newsid=444

Ritrae l'ex sindaco e deputato assieme a Gaetano Badalamenti e ad altri personaggi in odore di mafia, compreso il padre di Peppino Impastato. Erano il comitato per i festeggiamenti in onore di Santa Fara.
Quella fotografia, del 1952, il giovane Impastato l'aveva trovata nell'album di famiglia, così aveva iniziato a denunciare i rapporti fra mafia e politica.
Adesso, quella foto è tornata ad uscire da quella porta e a circolare in paese.

"Noi ci siamo ancora e vi teniamo d'occhio "

Questo sembra essere il messaggio dei due atti vili ed intimidatori.

Mi piacerebbe che tutti rispondessimo

"Anche noi ci siamo ancora e anche noi vi teniamo d'occhio anche quando cercate di intitolare le sale consiliari ai politici collusi"

La mia massima solidarietà va ad Umberto Santino, Giovanni Impastato, Salvo Vitale e via via Guido, Faro, Marina,Martina insomma tutti gli altri splendidi amici che ho conosciuto davanti a quella porta .

QUELLA PORTA APERTA!

http://www.peppinoimpastato.com/visualizza.asp?val=447

Etichette: , ,

8 Comments:

At 11:52 AM, Blogger lucapap said...

faccio un OT

bellissima foto
tutti in punta di piedi su quel rialzino di cemento
tutti abbracciati come vecchi compagni di scuola
veramente interessante...

 
At 12:00 PM, Anonymous mata63 said...

Possono sradicare alberi o sfregiare porte aperte ma le radici di quel che ha seminato Peppino non moriranno mai...
vigliacchi

 
At 12:05 PM, Anonymous Pau said...

E in tutto questo schifo ci arrivano anche fresche fresche le telefonate di D'Alema...

Che poi è pure un po' pirla perchè se deve dire che lo stanno intercettando e lo dice al telefono....chetelodicoaffare !

Se avesse chiesto a quei loschi figuri della foto magari glielo avrebbero detto che potava usare i pizzini...

Massima solidarietà agli amici di Peppino...

 
At 12:15 PM, Anonymous il fastidio said...

Si si compagni di scuola a merenda sembrano....

Comunque albero e due sfregi nella casa e puru le recenti elezioni...

e cchisti ci vogliono intitolare pure la sala consiliare

La sicilia tradizionale rialza la testa...

Camurrìa! dico io

 
At 12:18 PM, Anonymous Minnuledda said...

Adesso basta! è uno schifo

penso che domenica quando tutti cca se ne vanno a Tindari io minnivaiu a Cinisi , davanti a quella porta...
luchino poi ti chiamo e mi da le informazioni

ti abbraccio

ma l'abbraccio più grosso va agli amici della casa mermoria

 
At 2:44 PM, Blogger freesud said...

Ho già telefonato a Giovanni Impastato per esprimere tutta la mia solidarietà e lo sdegno per atti vili
e meschini condotti sempre nell'ombra e nel buio. Come sanno fare bene i mafiosi. Caro Luca è necessario far sentire la voce della legalità, della giustizia e della solidarietà verso chi combatte in prima linea le organizzazioni mafiose. Cinisi rimane
molto distante da Peppino. Peppino ancora non può riposare in pace dopo 29 anni di ingiustizie, menzogne, vili attacchi e sfregi alla sua memoria. Saluti a tutti.

 
At 2:54 PM, Anonymous la roby said...

Ma codice di autoregolamentazione dei partiti??

qualcuno ne sa qualcosa?

Come sempre cadrà nel dimenticatoio.....
Inizio a pensarla come Travaglio " evidentemente ci sono interessi trasversali,presso cui alcune persone hanno maturato crediti e
qualsiasi governo salga questi vengono a riscuotere sonni tranquilli..."

Che schifo!

Ps : è facile dire le idee di peppino non muoino mai, non ci piegheremo mai...io invece quando sento questi fatti penso solo che come dice freesud chi ha dato la vita VIENE CALPESTATO anche durante la morte..

 
At 5:15 PM, Anonymous Cavozzi said...

Roby è tutto un mettersi daccordo tra loro, sono tutti chi più chi meno arraffoni pronti ad accapparrarsi il loro piccolo posticino...
le mafie in un ambiente così ci sguazzano, le commissioni antimafia sono sempre più insediate da amici degli amici...
questo è un paese allo sbando in mano ad piccola schiera di lobby finanziarie con i loro poltici zerbini pronti a fornire protezioni trasversali comunque vada il voto.

Chiediamoci come mai Pollari è stato protetto con il nuovo governo dal suo amichetto D'Alema..

Io ormai faccio parte degli astenuti ..non mi fottono più!

 

Posta un commento

<< Home