lunedì, luglio 18, 2005

Ancora Vinile terza puntata

Torno dal mare....ustionato.
La testa mi ribolle...non riesco ad affrontare il caldo afoso di Milano.
Non riesco ad affrontare le fottute zanzare tigre che da anni proliferano e spaccano le palle.
Accendo il ventilatore mi denudo e prendo aria sul corpo ustionato.
Accendo il cellulare (due giorni escluso dal mondo , impensabile quanto sia bello) subito un bip
un sms annuncia "Complimenti sei stato accettato per il corso intensivo...chiamaci lunedì".
Rovisto tra i vinili .
Ormai avrete capito che è divenuta per me un azione catartica.
Cerco qualcosa del 1967....l'anno in cui mi hanno concepito.
L'anno in cui sono usciti i migliori dischi pop , i migliori dischi rock.
L'anno in cui la musica era ancora musica immortale.
Dopo la sbronza beatlesiana con magical mistery tour e sgt pepper provo tra Hair , Pet Sound , Il disco dei Velvet underground con la Banana di Andy Wharol, The piper at gates of down dei Pink Floyd.
Scelgo The Piper at Gates of Down; mai scelta fu più felice.
The piper at gates of down è il primo album dei Pink Floyd che fino a quel momento avevano pubblicato qualche singolo di successo (Arnold Layne) tra la underground people di Cambridge ed erano divenuti un gruppo di culto all'Ufo Club (un piccolo club alternativo di cambridge in cui la sperimentazione la faceva da padrona).
The piper at gates of down è il primo ed ultimo album passato e costruito dalle sapienti mani e dalla follìa visionaria di Syd Barret. Un album fatto di poesia visionaria , allucinata, folle ed infantile .....non se fosse l'acido lisergico o forse la semplice follìa geniale di un artista come Barret ma ricorda molto Sgt Pepper dei Beatles.....Vocine Marcette inglesi melodie fanciullesche.
Ho sempre ritenuto doveroso separare i Pink Floyd di Syd Barret dai Pink Floyd del duo Waters-Gilmore......due mondi sperimentali profondi ma più genuino il primo più ricercato il secondo.
Ascoltando The piper at gates of down mi perdo tra viaggi interstellari iperbolici (Astronomy Dominè, Interstellar Overdrive) , fiabe celtiche dal sapore di fanciullezza innocente ( Mathilda Mother, The Gnome, Scarecrow) , Capriole visionarie dai colori lisergici (Flaming, Bike, Take the stetoscope...) tutto sapientemente orchestrato in forma genuina senza troppe seghe intellettuali , corde ringhianti e tastiere libere di muoversi in un architettura sonora delirante.
Tutto quanto mi da un senso di leggerezza e liberazione.
Mi tornano in mente gli optical information....
Penso a Syd Barret perso in un suo mondo (da chissà quanti anni) dal quale non vuole riemergere.
E penso a Diego......Chissà se anche lui starà suonando da qualche parte immerso nel suo solito caos primordiale qualche melodia immortale.

Un abbraccio

Il Mallinza

12 Comments:

At 5:57 PM, Anonymous Albi said...

Io preferivo i pink floyd di dark side of the moon...
E Barret Solista.
The piper è un po' troppo casinaro.
Cmq bellissima la descrizione.

E mando anche io un abbraccio interstellare al grande Diego.

 
At 6:00 PM, Blogger lucapap said...

See Emily play.

Ciao Diego.

 
At 6:09 PM, Anonymous Mani said...

Luchino tu avevi anche il vinile di Madcap Lughs (non ricordo se si scrive così) di Barret e di Opel.
Io li preferisco di granlunga a the piper at gates of down,tutti dischi che tra l'altro mi hai fatto conoscere tu :-), ma le canzoni the gnome e bike su the piper sono bellissime , mi ricordo quando eravamo in giro per Amsterdam e me le cantavi in continuazione " I', got a bike you can ride it if you like..." e alla fine mi erano entrate in testa.
Mi aasocio all'abbraccio a Diego ovunque sia.

 
At 6:11 PM, Anonymous Manu said...

ovviamente sono Manuela e non Mani (e non fate le solite battute da maschiacci...)

 
At 9:39 PM, Anonymous Gianni said...

Invece a me piace molto Barret e piacciono i pink floyd con lui!
Non mi piacciono quelli ruffianamente sperimentali (essere ruffiani nell'essere sperimentali mi disgusta) del dopo barret.
E non è per leccare il culo al blog master ma io preferisco i primi optical information ai pink floyd di waters e gilmore....
Oh a me gli optical inf piacevano e forse pèerchè mi ricordavano Barret...

Un bacio a Diego anche da me ovunque sia

 
At 12:15 PM, Anonymous manu said...

Gli optical information erano bravissimi , anche a me piacevano ,quando erano OP IN con le diapositive e non quando erano Optical (per intenderci vi preferivo senza computer caro luchino), ma purtroppo qui si preferisce fare gli attori piuttosto che i musicisti .....

 
At 12:18 PM, Anonymous albi said...

Beh gli Optical information non li ho mai sentiti. Ma gli Optical con il computer sì.
Io avevo sentito solo il concerto in porta romana con i video del sorpasso e dei nazisti e mi erano piaciuti tantissimo .
Ma non stavamo parlando dei pink floyd? chi è che è uscito fuori tema stavolta?

 
At 1:18 PM, Blogger lucapap said...

ah i nazisti e il sorpasso !!

e soprattutto la schermata blu alla fine del concerto !!

 
At 3:28 PM, Anonymous Stefi said...

Grazie, sei carinissimo! :))
che splendido w.e. hai passato!!!!
appena posso ti rispondo alla mail

un bacioneeeee

 
At 5:25 PM, Blogger lucamallinza said...

grazie ragazzi siete gentilissimi a fare tutti questi complimenti agli optical (con computer e senza). Effettivamente Barret ci ispirò molto. Albi il concerto con i nazi e il sorpasso è stato fatto con i video di Lucapap qui presente nei post....
Lucapap ma la videocassetta dei video che fine ha fatto? mi piacerebbe averla....
Due cose su tutte la fede (un abbraccio Cosmico anche a lei !!!)
che guardava giochi senza frontiere dal video di fianco al microfono e la schermata blu finale veramente geniale !!! hi hi hi hi (evviva il vinooo)

 
At 11:19 AM, Anonymous la strega said...

la schermata bluuu e giochi senza frontiereeee huuuuu ...
tuffo nella memoria, se mi concentro ti tiro fuori pure la data (mumble rumble) 26/06/99 se non erro...
CMQ sia con le diapo che con il computer!!
...e' il mallinza quello che non funzia! ;)
(si scherza ovviamente...)

ma la fede (!!) non vedeva la carra'? o a un certo punto aveva cambiato? perche' io mi ricordo i dentoni della carra'?

 
At 9:46 AM, Anonymous Stef said...

:)
macche'irrecuperabile! !!!

sopratutto con la mano a double-face, sai che ridere il momento in cui ti devono infilare la fede al dito???
una parte dice si' e l'altra no.....

ahahah
(quasi quasi potremmo fare un corto su questo e sarai l'attore principale!)

io invece sono contenta cosi'! ma ti immagini che "pacco" se mi fossi sposata a 20 anni come credevo nel mio immaginario di bambina-ragazzina??????

 

Posta un commento

<< Home